close
MerchantPiattaforme

ECOMMERCE MARKETING ECOSYSTEM: IL NUOVO CORSO DI CRITEO

Criteo copertina-min

Nuova filosofia, nuovi prodotti, nuovi servizi. Sono molti i nuovi cambiamenti che Criteo ha deciso di apportare alla sua fisionomia di azienda digitale: visti i continui scossoni che sta vivendo il mondo dei retailer, viste le continue rivoluzioni tecnologiche, “abbiamo deciso di adottare un nuovo posizionamento, di lanciare nuovi prodotti, di seguire la rivoluzione del settore del retail”. Le parole sono quelle di Alberto Torre, Managing Italy di Criteo, che questa mattina a Milano ha presentato le novità del gruppo (in contemporanea con Usa e Francia; a Parigi, dove siamo stati ad aprile, la sede mondiale). Tra Commerce Marketing Ecosystem e varie release in arrivo nel 2018, e la ricerca condotta insieme a Forbes Insight.

 

I CAMBIAMENTI DEL RETAIL

“È un periodo rivoluzionario per il settore” continua Alberto Torre. “Basta guardare alla situazione globale di due colosso come Gamestop e Macy’s, che hanno recentemente annunciato la chiusura di moltissimi store nel mondo. Altri player, invece, stanno vivendo un momento di grande prosperità (come le Gallerie Lafayette, o, ovviamente, Amazon). Sempre più importante il concetto di omnishopper: un utente desidera sempre più spesso avere un’esperienza continuativa tra mondo online e offline, senza soluzione di continuità. Per indagare il fenomeno e comprenderlo meglio, abbiamo deciso di affidare a Forbes Insights una ricerca, con l’obiettivo di indagare alcuni punti fondamentali del nuovo corso del commerce, come il ruolo dei dati, della strategia di vendita, e le migliori opportunità che ha l’azienda per raggiungere tutti i nuovi potenziali consumatori”.

 

INFORMAZIONI E GRANULARITÀ DEL DATO

“I retailer oggi sono molto preoccupati dalla nascita di questi nuovi player, dovuto al fatto che loro, rispetto a questi colossi, hanno un limitato accesso alle informazioni” prosegue il manager di Criteo; “sono i nuovi player, in questo campo, a dettare le regole del gioco. In principio il retailer puntava sul posizionamento del punto vendita e sul merchandising; oggi il gioco è principalmente spostato sulla mole di dati forniti dagli utenti.

In questo senso è importante il concetto di granularità del dato, un dato diventato sempre più dettagliato e preciso. La tecnologia oggi è in grado di predire quando, quanto e cosa tornerà ad acquistare il consumatore: diventa fondamentale quindi il marketing digitale in real time. Il dato è diventato il pilastro per qualsiasi tipo di strategia. È necessario lavorare anche sugli aspetti di founding: così come nel canale fisico i retailer lavorano con i brand, oggi è necessario lavorare tutti insieme in questa maniera online. Quindi, dove entra in gioco Criteo? La nostra strategia è basata sulla costruzione di un’alternativa, basata sui pilastri visti precedentemente, ma su una scala piuttosto ampia, grazie ai nostri 550 miliardi di dollari di online sales”.

COMMERCE MARKETING ECOSYSTEM

“In che modo? Abbiamo adottato una politica trasparente e autorizzata di trattamento dei dati, dove ogni azienda fornisce le informazioni relative al suo retail e può sfruttare i dati di ogni altro gruppo presente nel nostro network. In questo modo, ciascuno ottiene di più di quanto dà, in un’ottica di collaborazione sicuramente vincente. Questa è la filosofia dietro a Commerce Marketing Ecosystem: non solo un’ottica online, ma omnichannel; un sistema focalizzato su chi compra, oltre che su chi vende; il tutto estremamente misurabile, con metriche relative al profitto e molto altro”.

I NUOVI PRODOTTI

CRITEO CUSTOMER ACQUISITION: TROVARE E ATTIRARE NUOVI CLIENTI

Gli inserzionisti cercano continuamente metodi per generare nuove entrate incrementali. Tuttavia, gli approcci di acquisizione esistenti mancano di accuratezza e lasciano i marketer nel dubbio se il denaro speso in pubblicità abbia raggiunto gli utenti che hanno più probabilità di effettuare un acquisto. Questa problematica genera un ciclo di spreco di denaro a causa di una spesa verso clienti irrilevanti.

Utilizzando i dati di identità e interesse di Criteo Shopper Graph, gli early adopter stanno utilizzando Criteo Customer Acquisition per trovare e convertire nuovi clienti in modo proattivo con un ROI significativamente migliore rispetto ai metodi esistenti. Questa soluzione di acquisizione basata sulle performance analizza i dati storici e comportamentali per creare un profilo target ideale, individua nuovi clienti che corrispondono al profilo target e li coinvolge utilizzando i prodotti che indicano l’interesse più alto previsto.

Questa soluzione consente di: identificare e coinvolgere nuovi clienti in base ai loro modelli di navigazione e interessi di acquisto; massimizzare i tassi di conversione tramite raccomandazioni di prodotto personalizzate; ottimizzare la spesa pubblicitaria e massimizzare il ROI, pagando solo quando gli acquirenti vengono coinvolti da una campagna.

 

CRITEO AUDIENCE MATCH: RAGGIUNGERE NUOVI CLIENTI E RIATTIVARE I CLIENTI ESISTENTI

È semplice per gli inserzionisti coinvolgere nuovamente gli utenti della propria base clienti con messaggi di prodotto rilevanti, ma come raggiungerli è un dilemma. Le soluzioni esistenti di display a pagamento che utilizzano i dati CRM spesso falliscono, a causa delle scarse match rate online e della limitata disponibilità di inventario al di fuori dei giardini recintati dell’online.

Utilizzando i dati CRM o DMP per identificare in modo preciso le audience su – web, browser mobile e app, Criteo Audience Match offre ai marketer un nuovo modo per riagganciare la propria base clienti con campagne display ad ampio raggio. Criteo ha costruito una base di ID deterministici all’interno di Criteo Shopper Graph, consentendo ai clienti beta di vedere una percentuale di corrispondenza di oltre il 60% delle loro liste clienti esistenti con profili online. Inoltre, i marketer possono utilizzare Criteo Audience Match per:

• Eseguire rapidamente campagne display convenienti in un insieme diversificato di scenari di marketing, inclusi il recupero di clienti persi, la promozione di offerte stagionali, la vendita incrociata di prodotti relativi ad acquisti precedenti e altro ancora.
• Generare engagement ineguagliabili attraverso annunci ottimizzati, bilanciando il design ispirato al brand e le prestazioni degli annunci attraverso Kinetic Design.
• Sincronizzarsi perfettamente con Criteo Dynamic Retargeting per garantire l’ottimizzazione e l’attribuzione delle campagne cross-device.

 

KINETIC DESIGN OFFRE L’OTTIMIZZAZIONE CREATIVA IN TEMPO REALE AL CANALE VIDEO

Criteo ha aggiunto il video come nuovo canale e fonte di inventario per i marketer. Criteo Kinetic Design ottimizza automaticamente ogni aspetto visivo di un annuncio per ispirare e coinvolgere un acquirente. Kinetic Design offre già più di 17 trilioni di variazioni a partire da un design base negli annunci display. Questo database ora è stato ampliato per includere il video, creando annunci video personalizzati che mostrano prodotti rilevanti sulla base della capacità di Criteo di conoscere il cliente.

Questi annunci video vengono creati automaticamente, in real-time e sono visualizzati su web e mobile. Dal momento che la fruizione dei video è in continua crescita, i clienti di Criteo possono ora utilizzare il video per riagganciare in modo rilevante gli acquirenti senza tempi di produzione, risorse o costi aggiuntivi. Il video viene consegnato in modalità non intrusiva per fornire un’esperienza di navigazione senza soluzione di continuità – in app, nel feed o su un sito web. La capacità video di Criteo consente ai marketer di sfruttare anche gli annunci video su base di cost per click.

Tags : criteoevidenzamarketingRetail