close
AttualitàFocus

GENDER GAP NEI REGALI DI NATALE. MA PER IL 76% DEI GENITORI L’ECOMMERCE È UN CANALE D’ACQUISTO

Nella scorsa settimana Toluna, società leader nel digital market research e nel fornire in tempo reale insight sui consumatori, ha condotto uno studio su 1.000 individui in Italia per scoprire le intenzioni di acquisto per i regali di Natale per i bambini, in particolare indagando sulle distinzioni di genere nella scelta del regalo.

Da sempre il Natale è sinonimo di regali ai bambini ed infatti il 97% degli intervistati da Toluna pensa di acquistare regali di Natale ai propri figli, nipoti o figli degli amici. Per la metà dei rispondenti il budget di spesa sarà uguale a quello del 2016, il 25% dichiara di spendere di più (in particolare il 30% degli uomini contro il 21% delle donne), per il restante 25% invece il budget sarà inferiore. Ben il 76% degli intervistati considera l’online come possibile canale di acquisto contro solo il 5% che non inserisce l’eCommerce tra le scelte possibili (non si riscontra alcuna differenza tra i vari livelli di educazione).

Nell’individuazione del regalo ben il 49% degli intervistati dichiara di essere influenzato dal genere (maschio o femmina), e il 43% dichiara che poterebbe prendere in considerazione di regalare un gioco da femmina a un maschio solo in relazione al tipo di gioco. Fra i genitori sarebbero disposti a regalare ai propri figli maschi i trucchi solo il 3%, le bambole il 11% e la cucina il 20%, ed anche fra i genitori delle femmine non si riscontra grande apertura, solo il 7% accetterebbe di regalare un’arma giocattolo e il 20% un dinosauro

Regali per i Maschi: trucchi e bambole restano dei tabù, la cucina ha più chance
Anche in caso di esplicita richiesta di regalo non in linea con le tradizionali suddivisioni maschio e femmina, genitori, zii e amici non sono in grado di accontentare i bambini. Ecco dunque che solo il 3% di genitori di un maschio sarebbe disposto a regalargli dei trucchi, mentre gli zii crescono quasi al 4%.
Migliora, ma di poco, la situazione in caso di richiesta da parte di un maschio di una bambola, in generale solo il 11% è disposto a regalarla. In questo caso i poli opposti sono proprio nel Nord, infatti il 15% dei rispondenti nel nord ovest la regalerebbe, l’11% al centro, il 10% al sud e solo l’7% al nord est.
Importante conquista maschile è la possibilità di allenarsi già da piccoli ai fornelli, complici forse le tantissime trasmissioni sull’arte culinaria su tutte le reti televisive. Infatti il 20% dei genitori è disposto a regalare una cucina ai propri figli maschi, solo il 14% ai figli maschi dei propri amici e il 17% ai propri nipoti. In tutti i casi sono le rispondenti femminili ad alzare sensibilmente la media (25% delle mamme vs i 15% dei papà) e permane tra i genitori dei maschi un’ampia distanza tra nord e sud, nel primo la percentuale sale al 26% al nord ovest, mentre al sud la percentuale crolla al 16%.

Regali per le Femmine: inutile chiedere armi giocattolo, meglio provare con i dinosauri
Passando alle bambine, solo il 7% delle femmine che dovessero chiedere delle armi giocattolo sarebbero accontentate dagli zii e genitori, l’8% sarebbe accontentata dagli amici dei propri genitori. In questo caso non si riscontra alcuna differenza tra i papà e le mamme che non mostrano alcun scostamento.
Meglio se si chiedono dei dinosauri: circa il 19% dei genitori, zii e amici si sentirebbero di esaudire la richiesta. Anche in questo caso si possono notare delle differenze territoriali tra i genitori con 8 punti percentuali di differenza tra il nord (qui il 25% dei rispondenti accontenterebbe la richiesta) e il centro sud (che si ferma al 17%).

E se i bimbi non esprimono un desiderio?
Giochi di società ed elettronici per i maschi, bambole e cucine per le femmine.
I risultati dell’indagine svolta da Toluna riportano lo specchio di una società che trasmette ai bambini non solo il massimo degli stereotipi, ma che getta anche le basi di differenze culturali che avranno impatti dirompenti anche nel mondo del lavoro. Se infatti il 49% dei genitori regalerà ai figli maschi un gioco di società, questa percentuale crolla al 35% per le femmine, a cui si predilige per il 47% le bambole! Stesso divario per i giochi elettronici, il 35% dei genitori è orientato a regalarli ai figli maschi e solo il 15% alle figlie femmine. Difficile poi stupirsi che i maschi siano più orientati alla tecnologia!
L’ECOMMRCE è TRA I CANALI D’AVQUISTO

Tags : bambinigender gapnataletoluna