close
MerchantRetailer

DOVECONVIENE: NIELSEN CERTIFICA L’ACCURACY DELLE VISITE IN NEGOZIO

stefano portu

L’eCommerce conta, sì, ma non è tutto. In un mondo che vede sempre di più la corsa all’online come passo vitale e fondamentale, spesso ci si dimentica che il punto fisico, lo store rimane centrale nel rapporto con la propria clientela. Lo ha ricordato oggi DoveConviene, piattaforma di Drive To Store e shopper marketing, da sempre aggregatore di volantini di negozi, che in un appuntamento con la stampa a Milano ha voluto sottolineare quanto, oggi, si tenda a dimenticare che il retail è il più grande business al mondo, e quanto abbia bisogno di essere curato e perfezionato per un perfetto rapporto con il cliente.

In questo senso l’azienda, all’interno di importanti investimenti tecnologici sulla propria piattaforma, ha affinato sempre più le tecnologie di calcolo degli ingressi in store, applicando tra le altre cose algoritmi di “clean up” basati su tempo e frequenza di visita in un determinato punto vendita per potere individuare visite reali, scartando invece i consumatori solo di passaggio. Nielsen, su richiesta di DoveConviene, in contemporanea ha realizzato un’indagine indipendente sugli stessi utenti in uscita dal punto vendita per chiedere se effettivamente fossero stati in negozio. Incrociando i risultati sul campo alle rilevazioni di DoveConviene, il gruppo ha rilevato un’accuratezza del 98,8% su 7mila visite.

“Dietro al racconto generale degli ultimi tempi c’è sempre stata l’apocalisse nel mondo retail”, raccontano durante l’incontro Stefano Portu e Alessandro Palmieri, CEO e Founder di DoveConviene. “Certo, l’eCommerce è un mercato grande, ma rimane (negli Stati Uniti, dove la sua diffusione è maggiore) un 15% del totale, che può salire al 20% nei prossimi anni. Il retail fisico rimane il più grosso mercato mondiale, e anche uno di quelli meno digitalizzato. L’offline cresce, in valore assoluto, in misura maggiore dell’ecommerce, e molti casi di successo hanno dimostrato che spesso vincono la prossimità e la specializzazione del servizio. Da qui è nata la nostra idea: portare online l’abitudine di leggere i voltantini dei negozi; e quindi con DoveConviene abbiamo creato un vero e proprio aggregatore di volantini”.

“Poi, nell’ultimo anno e mezzo, abbiamo guardato ai grandi cambiamento del mercato come una nuova sfida”, continua Portu; “il consumatore vuole avere tutte le informazioni sul negozio (anche prima di entrarci), e qui vive una delle crisi più profonde dei retailer, ovvero rendere trasparente il centro fisico. Perché nonostante tutto, le persone apprezzano ancora moltissimo l’acquisto fisico; e quindi DoveConviene ha deciso di percorrere la strada del Drive To Store, indirizzando il consumatore verso i suoi acquisti. Questo in due passi: l’allargamento da diffusione dei volantini verso tutti i retailer; e poi l’uscita dal puro e semplice volantino per riuscire a creare un punto di riferimento digitale utile a tutti i consumatori. La chiave, in questo senso, è la misurazione e l’ottimizzazione per ogni singolo utente”.

“Con Nielsen abbiamo avviato una misurazione di alcuni utenti all’uscita dal negozio, per riuscire a capire se effettivamente i consumatori avessero effettuato una visita allo store rispetto ai riscontri di DoveConviene”, conclude Portu. “Nielsen ha quindi rilevato un’accutarezza del 98,8% su un campione di ben 7mila visite, una percentuale altissima se ricordiamo quanta sia effettivamente la difficoltà che fanno oggi i player per portare e misurare questi insight. Quindi le evidenze emerse ci confermano la direzione intrapresa: essere la piattaforma leader per portare i consumatori dal digitale in negozio in modo misurabile. L’obiettivo è rendere la conversione dal digital al negozio fisico efficace e misurabile come quella verso l’eCommerce”.

Tags : doveconvienedrive to storeevidenzashopper marketingstorevolantini