close
AttualitàFocus

DAL 7 AL 9 NOVEMBRE IL SALONE DEI PAGAMENTI ARRIVA A MILANO: FOCUS SU STARTUP E FINTECH

È solo la terza edizione, ma i numeri che movimenta e la capacità di polarizzare l’attenzione di operatori e grande pubblico (oltre 8mila presenze nel 2017), è quella dell’evento ormai maturo. Torna dal 7 al 9 novembre – come da tradizione, verrebbe quasi da dire – il Salone dei Pagamenti, l’evento organizzato ABIServizi e promosso da ABI, Feduf-Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio, Consorzio CBI, Consorzio ABI Lab, che per tre giorni a Milano, negli spazi del MiCo-Milano Congressi mette al centro del dibattito la “Payvolution”, parola coniata ad hoc per il Salone. Ovvero, tutto quel mondo di idee, di progetti, di strumenti, di aziende e persone che quotidianamente producono e propongono innovazione nell’ambito dei sistemi di pagamento.

Banche e circuiti di pagamento, quindi, ma anche (o sarebbe forse più corretto dire soprattutto) big player del digital, la galassia delle startup fintch, incubatori e acceleratori di impresa, la Pubblica Amministrazione, il mondo del retail. Un grande network di soggetti che operano per fare della tecnologia un abilitatore di business. Oltre 400 relatori, 116 aziende partner, 92 sessioni di dibattito sono i numeri macinati dall’edizione 2017, che hanno confermato la bontà della formula organizzativa (uno spazio espositivo intorno al quale per tre giorni si susseguono sessioni di approfondimento e workshop tematici), e sono il punto di partenza per questa nuova edizione. Che prende il via dopo un ampio lavoro di networking sviluppato dagli organizzatori nel corso di tutto l’anno, in un’esplorazione continua dei nuovi fronti di innovazione.

Un meccanismo strutturato in otto aree tematiche che esplorano a tutto tondo l’orizzonte della Payvolution, il suo impatto sul business ma anche sulle abitudini di vita e di consumo: Il futuro dei pagamenti globali, Shopping senza contante, Mobile e Millennials, Bank (R)evolution, Verso una società digitale, Arriva l’Intelligenza Artificiale, Blockchain e Criptovalute, Privacy e Sicurezza. Cui si aggiunge, ed è una delle novità più stimolanti dell’edizione 2018, la sessione permanente intitolata Fintech Goes to Italy: una sorta di “incubatore temporaneo”, realizzato in collaborazione con Fintech District, che per tre giorni ospiterà startup fintech italiane e internazionali per una serie di pitch sessions e network meetings. Grazie al contributo di thought leader, imprenditori e manager del mondo finanziario internazionale e nazionale, Fintech goes to Italy sarà l’occasione per discutere le prospettive di crescita dell’ecosistema Fintech, insieme ai protagonisti di questo processo: l’accesso ai capitali, l’integrazione e il dialogo con gli Incumbent, la tanto auspicata internazionalizzazione…

Con il Salone dei Pagamenti, il mondo bancario italiano conferma il proprio ruolo di leadership in uno degli ambiti più avanzati e significativi dell’innovazione tecnologica. “Il Salone ha l’ambizione di non essere semplicemente un evento di settore, ma uno spazio per far crescere e diffondere la cultura dei pagamenti innovativi, coniugando le nuove tecnologie con l’operatività bancaria. Il tutto, orientato al cliente”, spiega Gianfranco Torriero, vice direttore generale dell’ABI e presidente di ABIServizi. “Oggi dobbiamo pensare alla banca come a una piattaforma, che offre prodotti e servizi diversi, e che dialoga a 360gradi”, chiosa Torriero. “L’interazione che, anche grazie al Salone, abbiamo ormai consolidato con i tanti e diversi attori che ruotano intorno al mondo dei pagamenti, conferma il ruolo centrale delle banche non solo nell’offerta di servizi di pagamento, ma più in generale nell’ecosistema dell’innovazione”.

Tags : fintechpagamentisaloneSTARTUP